Del gioco, delle scommesse e degli dei della fortuna…

Gioco d'Azzardo - Nessuna Fortuna! Gioco d'Azzardo - Nessuna Fortuna! Foto di Nizam Abdul Latheef da Pexels

Alla gente piace giocare, fanno scommesse per divertimento o per vincere soldi extra. Quando si sentono fortunati o quando qualcuno veglia su di loro, vogliono solo tentare la fortuna, dimostrare che la fortuna è dalla loro parte.

Eticamente pregare Dio per far vincere una partita alla squadra del cuore in modo che tu vinca una scommessa è più o meno un atteggiamento egoista specie se pensiamo che ci sono ancora così tante cose cattive nel mondo.

Ma che dire di questi antichi dei del passato, la gente credeva in loro e pregava la dea della “fortuna”.

Diverse mitologie del mondo rivelano potenti divinità che dominano il mondo del gioco: ecco alcuni dei che possono influenzare il risultato di una partita di calcio a nostro favore: Hermes è il dio greco del gioco, il profitto, la possibilità di gioco. Hermes era il messaggero alato degli dei. Era il dio delle mandrie, della strada, del commercio, del commercio, perfino dei ladri…

Hermes è anche noto come Mercurio nella mitologia romana. Suo padre è Zeus, il sovrano degli dei greci.

Thoth è il dio egiziano del gioco e aveva gli stessi attributi del dio greco Hermes. È il creatore della magia, l'inventore della scrittura, il messaggero degli dei e il detentore e mediatore di dischi divini.

Secondo il mito, ha vinto un premio di “5 giorni” giocando con la luna (allora conosciuta come Iabet) in una partita a dadi per aiutare la dea del cielo Nut ad avere i suoi figli.

Macuilxochitl, (cinque fiori, anche chiamato Xochipilli) è il dio azteco del gioco, della musica e della danza. Era il dio dei giochi, dai giochi da tavolo (Patolli) alla versione azteca del calcio (Ullamaliztli). Generalmente raffigurato come un dio del divertimento e della danza, lo Xochipilli potrebbe anche inviare malattie veneree a chiunque violi le astensioni in rapporti sessuali.

Li-Nezha è il dio cinese del gioco ed è probabilmente l'unico dei cinesi che può rivelare i numeri vincenti della lotteria. Li-Nezha è forse meglio conosciuto come Nataku o Nata dall'anime giapponese, un dio della guerra mezzo morto. Nei tempi antichi, i mortali lo adoravano come un dio di lotterie e giochi d'azzardo.

Lakshmi, è la dea indù di ricchezza, prosperità e fortuna. Lakshmi è la moglie del dio Vishnu. Gli indù credono che chiunque adori sinceramente Lakshmi, non per avidità, sarà benedetto con fortuna e successo. Dopo aver adorato Lakshmi a Diwali, molti indù giocano e spendono molto, credendo che Lakshmi abbia concesso loro buona fortuna.

Nohoilpi - Il dio del gioco Navajo. Chiamato anche "Colui che vince gli uomini". È un figlio rinnegato del dio del sole Tsohanoai. Scese sulla Terra e insegnò alle varie tribù i suoi giochi d'azzardo, ma rapidamente abusò del suo potere superando tutti i suoi giochi d'azzardo e raccogliendo i suoi guadagni schiavizzando le persone per costruire una città per segnare la sua gloria.

Gioco d'azzardo e compulsione al gioco...

Questo dimostra come nella storia dell’uomo il gioco rivesta un importante ruolo sociale.

La storia dei miti e degli dei dimostra come, tuttavia, gli dei rappresentino anche l’imponderabile e la difficoltà di controllare le sorti del gioco. Io gioco come le scommesse sappiamo tutti è spesso causa di grandi perdite di denaro.

Spesso del gioco non importa neppure tanto la vincita in se ma il brivido che si prova, la tensione emotiva che fa sentire il giocatore emotivamente vivo...

Ma ricordiamoci che il gioco d’azzardo e le scommesse si basano su un concetto molto semplice: la strategia non influenza in nessun modo il risultato di una scommessa. La probabilità di vincere o di perdere è sempre la stessa.

Il gioco compulsivo è solo un modo per non affrontare il vero disagio che proviamo nella vita di tutti i giorni. Affrontare il nostro disagio comprendendone l’origine ci permette di non affidare agli dei della fortuna le sorti della nostra esistenza.