Liquore di rose cinese: “Mei Kuei Lu Chiew”

Letteralmente “Mei Kuei Lu Chiew” significa alcool allo sciroppo di rose. In effetti è quello che più somiglia ad una grappa aromatizzata all’estratto di rosa.

Quante volte l'avrete bevuta al ristorante cinese eppure non vi siete accorti di un gesto molto semplice che potete fare per portarvela a casa: chiedere alla casa o al titolare del ristorante di acquistarne una bottiglia.

Il popolo cinese sa bene come commerciare e saranno ben felici di vedervi una bottiglia.

Il costo di una bottiglia di liquore di rose acquistata al ristorante potrebbe costarvi non più di 10-15 euro, una spesa che in definitiva è del tutto sostenibile.

Cosa contiene una bottiglia di liquore alla rosa?

Ogni singola bottiglia contiene 500 millilitri di liquore e la sua forma è assolutamente tipica è riconoscibile.

Fuoco nelle viscere una grappa che va consumata con estrema moderazione. Contenuto alcolico di questo superalcolico ha un grado alcolico del 54%. Roba che quando la butti giù ti spacca letteralmente lo stomaco dal basso in alto.

Il profumo di rosa è molto pungente per certi versi con delle sfumature di acre. Non si tratta di una delle migliori grappe che io abbia mai bevuto eppure è proprio la familiarità con questa marca che la rende così apprezzata.

Una confezione rimasta invariata per oltre 30 anni…

Mi piace leggere sull'etichetta l'orgoglio con il quale è scritto "Prodotto dal Popolo della Repubblica Cinese". Volenti o nolenti i cinesi devono e possono essere orgogliosi della propria patria nonché del loro lavoro.

Un liquore che conosciamo dall'entrata dei ristoranti cinesi sul mercato italiano. Impossibile non provarla almeno una volta. Personalmente consumo questo tipo di grappa dalla metà degli anni 80. Non fosse altro che per i ricordi associati al profumo di questa grappa di rosa.